Approfondimenti

Trattazioni più approfondite su un tema specifico

Pagina 1 di 3123

Passare da una vecchia a una nuova versione di Fedora

Dopo quattro anni di felice convivenza, mi sono deciso ad aggiornare la mia vecchia, obsoleta Fedora 14 a 64 bit (qualcuno ha ancora la 32?), mettendo l’ultima versione, la 22.
Adesso non è più come una volta, con un dvd da 4 Gb dove c’è tutto, adesso si scarica la live (ho preso la spin Mate-Compiz perché non mi piace… Continua a leggere

Installare PHP 5.5 (5.4, 5.6) su CentOS 6

php55E così volete aggiornare il vostro vecchio, obsoleto e deprecato PHP 5.3, magari installando PHP 5.5 sulla vostra CentOS 6, ma anche 7, ma anche 5.10, ma anche RedHat, per avvantaggiavi delle nuove funzioni, o magari anche solo perché le API di Facebook richiedono il PHP 5.4?
Benissimo, ecco come si fa.
Notare che anche se CentOS è rimasta alla… Continua a leggere

Obbligo di PEC prorogato a fine 2011

È notizia ormai risaputa che in data 25 novembre scorso il Ministero dello Sviluppo con una circolare ha chiesto a Unioncamere di non sanzionare coloro che non hanno ancora comunicato il loro indirizzo di PEC agli organi deputati. Quello che è meno chiaro e diffuso, complici pubblicità televisive sibilline che costringono i potenziali interessati a lunghe ricerche su internet o a rivolgersi presso i propri enti associativi, è a chi spetta l'obbligo di comunicare, quindi di avere, un indirizzo di Posta Elettronica Certificata. Continua a leggere

Obblighi di legge per i siti internet e la comunicazione

Esistono delle disposizioni di legge italiana che riguardano i siti internet e più in generale la comunicazione societaria, che è bene conoscere per non incappare in sanzioni pecuniarie (fino a oltre 2000 Euro). Continua a leggere

Interviste / Lezione in punta di Wii

Riporto l'intervista che Punto Informatico (a cura di Patrizia Bisaccia) mi ha fatto lo scorso novembre sull'utilizzo del cosidetto progetto wiiLD, che da un paio di mesi abbiamo sperimentato, e avendolo trovato estremamente valido e interessante, ne stiamo portando avanti la diffusione nella nostra provincia. Roma - Nel futuro della didattica non c'è solo la LIM. Nel giardino del software libero è spuntato un fiore fatto di open source e un tocco di hacking. Si chiama Wiild, e ha spopolato al Linux Day. http://punto-informatico.it/3040675/PI/Interviste/interviste-lezione-punta-wii.aspx Continua a leggere

Ecco Red Hat Enterprise Linux 6

Red HatUna settimana dopo il rilascio ufficiale di Fedora 14, ecco che finalmente esce anche la tanto attesa versione 6 di una delle storiche versioni di GNU/Linux, quella di Red Hat (RHEL) che dopo la 9 circa 8 anni fa ha fatto il grande salto verso il supporto commerciale. Red Hat è stata la prima azienda che ha spinto fortemente sul lato commerciale di Linux, che ci ha creduto, e che ogni anno vede aumentare il suo fatturato, anche se non è paragonabile a quello di altri colossi come Microsoft o Novell. Sappiamo che a suo tempo la mossa venne molto criticata “ma come, emettere Linux a pagamento?” era un concetto quasi scandaloso tra gli appassionati. La realtà è che Linux non è e non può proprio essere messo a pagamento. Siamo e resteremo liberi di scaricare e istallare Red Hat Linux senza pagare alcun prezzo. E allora dove sta la differenza, il business? Continua a leggere

Questa volta l’hanno fatta grossa…

Ecco un esempio di cosa ci può stare dietro ai software liberi più noti, per sfatare il mito che siano fatti da volontari e che siano dati gratuitamente pertché non sono di valore. La comunità dei volontari che sviluppano e promuovono OpenOffice.org, il più importante software libero per la produttività individuale, annuncia una significativa evoluzione del progetto. Dopo dieci anni di evoluzione con Sun Microsystems come fondatore e principale sponsor, il progetto annuncia una fondazione indipendente chiamata "The Document Foundation" con l'obiettivo di dare vita alla promessa di indipendenza del programma originale. Continua a leggere

Maemo, ti presento MeeGo

Aldilà della parafrasi del titolo di un celebre film, è ormai noto da tempo che il successore di Maemo 5 sarà MeeGo 1.0, sviluppato assieme da Nokia (che appunto ci mette Maemo dopo l'abbandono di Symbian) e Intel che ci mette Moblin. E' ormai un dato di fatto che Nokia, dopo aver predominato il mercato dei cellulari, non abbia mai conquistato lo spazio equivalente sugli smartphone. Sappiamo chi ce l'ha, ma anche che il gigante finlandese è appunto un colosso, e unito al dominatore delle cpu non può che farci ben sperare per il rilancio e quindi la diffuzione dei dispositivi con sistema bvasato su Linux. Continua a leggere

Il copyleft è vincente anche in medicina

Il copyleft, un modo differente di rivendicare i diritti sulle proprio creazioni, non è solo presente in informatica, nel software e anche nell'hardware, ma come ci insegnano le licenze tipo Creative Commons, è applicabile a una vasta gamma di opere dell'ingegno: libri, disegni, musica... Sorprende certamente molto di più quando ce lo troviamo di fronte in uno dei settori da sempre più conservativo e protettivo dei propri sforzi intellettuali e di ricerca, come quella farmaceutico. Accade in Italia, alla Guna S.p.a. Continua a leggere

Linux dentro le casse della Conad Tirreno

Questa più che una notizia fresca è un colpo di grancassa per rendere nota una realtà che a mio parere non lo è abbastanza. Già da un paio d'anni è entrato in funzione nelle casse (inizialmente 1000) di un attore della grande distribuzione (Gdo), cioè Conad del Tirreno, il primo software rispondente alle specifiche UE. Chiamato “I cavalieri del Tau”, permette di pagare oltre che la spesa, anche bollette e altri servizi comunali. Continua a leggere
Pagina 1 di 3123