ITPUG e GFOSS.it scrivono per l’Open Source alla Regione Toscana

E’ una missiva molto interessante quello che i gruppi ITPUG (Italian PostgreSQL Users Group) e GFOSS.it (Geographic Free and Software), a firma dei loro presidenti Gabriele Bartolini e Paolo Cavallini, hanno inviato al presidente della Regione Toscana Claudio Martini, sottolineando come il FLOSS sia una grossa risorsa che la nostra regione potrebbe iniziare a supportare, sostenendo valide applicazioni nella tramite delle scelte strategiche e coordinate.
E noi non possiamo che essere d’accordo e, idealmente, sottoscrivere…

Eccone il testo integrale.

Gentile Presidente Martini, ITPUG e GFOSS.it sono due associazioni non profit di promozione sociale che hanno come loro obiettivo principale la diffusione di FLOSS – Free/Libre/Open Source Software, software libero e open source, sul territorio italiano. ITPUG, acronimo di Italian PostgreSQL Users Group, in particolare si fa promotore a livello nazionale di PostgreSQL, un potente software per la gestione di database relazionali (RDBMS), considerato unanimemente il più avanzato nel mondo open-source. GFOSS.it, acronimo di Geographic Free and Open Source Software, è un’associazione per l’informazione geografica libera. Si basa su di una forte e strutturata comunità di utenti, sviluppatori, ricercatori, aziende, professionisti e Pubbliche Amministrazioni, che forniscono ed usano soluzioni complete per la gestione dei sistemi informativi geografici.

Siamo ben consapevoli di quanto la Regione Toscana abbia a cuore a livello politico e direzionale l’impiego di software libero nella Pubblica Amministrazione, e la Regionale del 21 gennaio 2003 intitolata “Promozione dell’Amministrazione Elettronica e della Società dell’Informazione e della Conoscenza nel Sistema Regionale. Disciplina della Rete Telematica Regionale Toscana” ne è un esempio d’eccellenza.

Siamo altresì convinti che una diffusione efficace del software libero nella Pubblica Amministrazione italiana debba partire da una liberalizzazione a livello di FLOSS infrastrutturale, tramite la rimozione di vincoli, costi di licenza e soprattutto forme di lock-in per le applicazioni di basso livello.
Sfruttando la breccia aperta a livello di sistema operativo da soluzioni molto valide (ottimamente rappresentate dal famosissimo GNU/), sia ITPUG che GFOSS.it sostengono che anche i sistemi per la gestione di database e di sistemi territoriali liberi abbiano raggiunto un livello prestazionale e di affidabilità elevati da giustificare una maggiore attenzione da parte del personale tecnico delle istituzioni.

In particolare, l’utilizzo congiunto di database PostgreSQL e della sua estensione PostGIS permettono la memorizzazione efficiente, sicura e a costo di licenza nullo di dati geografici, divenuti oramai parte integrante e imprescindibile di ogni archivio della Pubblica Amministrazione. Tra l’altro, anche il CNIPA si fa promotore di sistemi per le Pubbliche Amministrazioni che sono basati su PostgreSQL, fra cui il motore per la gestione documentale Adam-Core.

Inoltre, con riferimento al bando relativo a finanziamenti fino a 500.000 Euro per la digitalizzazione degli archivi statistici presente nel Bollettino Ufficiale Regione Toscana, n. 3 del 16 gennaio 2008, parte II, sezione III, sia ITPUG che GFOSS.it sono convinti che PostgreSQL e PostGIS possano rappresentare la soluzione ideale per il data storage, in tutti i campi di azione della Pubblica Amministrazione.

Crediamo che la Regione Toscana possa avere un ruolo fondamentale nell’avvio di un processo virtuoso per queste applicazioni, così come è avvenuto in altri ambiti europei: di particolare rilievo, il caso della Catalogna, che sta migrando tutto il software della pubblica amministrazione verso soluzioni aperte, grazie ad una scelta solida e di lungo periodo che le ha anche consentito l’accesso ad importanti finanziamenti comunitari.

In Toscana non mancano gli esempi di adozione di queste soluzioni da parte di singole amministrazioni, ma una scelta strategica, che valorizzi le esperienze più efficaci e ne fornisca maggior libertà e supporto per una crescita cooperativa è a questo punto indispensabile.

Entrambe le associazioni si rendono disponibili per promuovere l’impiego di tali soluzioni tramite l’organizzazione di conferenze e manifestazioni di carattere nazionale ed europeo. In particolare, GFOSS.it sarà attivamente coinvolta nel IX meeting degli utenti italiani di GRASS – GFOSS, che si terrà presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Perugia nei giorni 21 e 22 febbraio prossimi. ITPUG invece sta organizzando il secondo PostgreSQL Day (PGDay 2008), che si terrà a Prato presso il Monash University Prato Centre nei giorni 17 e 18 ottobre 2008.

Certi che le nostre aspettative non rimangano disattese, porgiamo i nostri più distinti saluti.

Il Presidente di ITPUG, Gabriele Bartolini
Il Presidente di GFOSS.it, Paolo Cavallini

Nessun tag per questo post.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *