Linux scambiato per Windows 7

linux o windows 7?Chi conosce e in particolare usa , potrebbe avere un moto di orgogliosa rivalsa nei confronti di un sistema operativo ormai ingiustamente bistrattato e ritenuto inferiore ad altri.
Infatti la didascalia della foto pubblicata da un noto quotidiano tedesco recita “già nella versione di anteprima di Windows 7 è completamente ridisegnata l’interfaccia utente…”, ma un occhio attento non fa fatica a scorgere nella finestra in basso a sinistra la K simbolo di Kde, l’interfaccia desktop di Linux tra le più vecchie e sicuramente più avanzate, con accanto scritto “K desktop environment”.
L’articolo parla del prossimo nato di Redmond ma la foto mostra tutt’altro.
Con ciò non si vuole certo deridere i giornalisti del Berliner Morgenpost, piuttosto evidenziare come questo errore sia giustificabile dal fatto che ormai Linux, in quanto ad aspetti più superficiali come appunto il look e la facilità d’uso del desktop abbia raggiunto Windows, al punto che esso viene preso per una versione futura.
Infatti ci sono ancora tante persone che si stupiscono davanti a Linux, che lo considerano a priori molto indietro e al di sotto delle aspettative di oggi, solo perché non è così diffuso sui desktop.

Invece chiunque abbia usato Kde ha potuto verificare con i suoi occhi che in realtà non ha proprio nulla da invidiare a Windows per ricchezza di funzionalità e opzioni. Esso come abbiamo detto è tra gli ambienti desktop più vecchi, e sicuramente quello che porta meno traumi nel passaggio da Windows a Linux, perché appunto non si risparmia in quanto a completezza e comodità.
Personalmente preferisco il desktop di che in apparenza offre meno funzioni ma è molto facile e intuitivo, per un’immediatezza di uso studiata nei particolari. E dico proprio “studiata” in quanto un team di esperti ha disegnato l’interfaccia in modo che possa rispondere a standard di usabilità molto alti.
Ricordo che con il desktop Compiz abbiamo visto la comparsa di effetti grafici quali la trasparenza e altri 3d, che oggi vediamo in Vista, già dalla fine del 2006, ben prima che esso apparisse nei negozi. E chi l’ha provato sa quanto minore sia il consumo di risorse in Linux.
Non voglio dubitare che il giornalista abbia recensito Windows (sarebbe troppo!) e di sicuro da qualche parte ci sarà stato uno scambio di immagini, tuttavia il concetto rimane lo stesso: il pinguino è esteticamente attraente almeno quanto una versione futuribile di Windows.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *