Maemo su N900 – e vai di Skype

Già da anni si sente parlare della telefonia che sostituirà quella tradizionale, ma bisogna comunque essere al Pc o dotarsi di apparecchi appositi. Con uno strumento come l’N900 ce l’ho in mano e quasi non me n’ero accorto.

Andiamo con ordine: avevo evitato di configurare perché un po’ non volevo incroci con quello del Pc di casa, che mi basta, un po’ degli amici avevano accertato che esso sul Pc ha la cattiva abitudine di scambiare dati anche senza che comunichiamo con altri, e questo è da evitare con connessioni a traffico limitato come danno le chiavette.
Quando ho visto che tra i dati in rubrica può essere messo anche l’indirizzo Skype della persona, non ho resistito alla curiosità e l’ho messo uno. E’ venuta fuori sotto agli altri il tasto per iniziare una Skype , ho premuto (qui non si clicca, si preme con le dita) il tasto ed è venuta fuori una schermata da configurare col mio nome utente e password.
Fatto questo ho provato a chiamare. Bello! Posso farlo direttamente verso un altro utente del mio elenco personale, che lui si è scaricato dal server, e non solo, posso anche usarlo per chiamare numeri fissi o cellulari!, ovviamente se ho il credito Skype.
Effetto collaterale particolarmente gradito: la rubrica del N900 si è riempita di informazioni, in pratica tutte quelle dei miei contatti Skype, avatar compresi, e ho così dovuto passare un’ora per fondere questi dati con quelli per cui avevo il numero già in rubrica, che lui non può certo sapere a quali numeri corrispondano. Invece di scrivere a mano io le info, ho trovato chi lo fa per me.
Non aspettatevi interfaccia come sul Pc, non c’è un elenco a parte, se volete raggiungere un contatto dovete cercarlo nella rubrica del cellulare. La gestione dello status, se online o meno, si affianca a quella dei profili bluetooth connessioni etc.

Memore del comportamento, come dire “sotterraneo” della versione Pc di cui ho detto sopra, dapprima ho verificato che non si connettesse da solo alla rete da offline, che non mi chiedesse la connessione ad internet, poi ho cominciato a fidarmi e mettermi online quando sono lontano da casa sfruttando l’Umts.
Questo fine settimana le prove finali con chat scritte e anche parlate, per verificarne i consumi di banda.
Sono soddisfatto non solo dalla versatilità del programma, che in questo modo permette di stare su Skype praticamente sempre, e ciò è un bene per le proprie attività di business, ma soprattutto dal fatto che telefonare con quello a un altro utente, che vuol dire occupare la banda dati, non è  dispendioso in termini di connettività. Diversi minuti di conversazione mi hanno preso pochi mega, suppongo di aver consumato circa 1.5 mega al minuto, il che amplia molto le possibilità di usare la telefonia con un contratto omni comprensivo voce-dati.

Non voglio far pubblicità alla mia, ma quasi tutte le compagnie telco adesso offrono 500 Mb di traffico a settimana, e siccome con posta web feed non c’è praticamente consumo, ho appurato che questa telefonia Voip può essere un ottimo modo per utilizzare quello che altrimenti paghiamo ma non usiamo.

Ovviamente questa soluzione è da usare con parsimonia, se non da scartare, se non intendete essere raggiunti al cellulare pure dai vostri contatti di Skype. Magari potreste valutare l’idea di farvi due account, uno con le persone cui vi preme rimanere in contatto l’altro con tutto il resto del mondo. Ma ciò è perfettamente indipendente dall’N900.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *